Ho scoperto di avere le corna

Scritto da , il 2019-06-11, genere etero

Nei piccoli centri, si sà, si crede di sapere tutto di tutti e spesso mi divertivo anch'io, quando passavo e vedevo dei conoscenti, noti a tutti come i cornuti con Pedigree e mi dicevo" che raduno di cornuti oggi in piazza!" Ridevo sotto i baffi. Da un pò di tempo invece, ho scoperto di essere anch'io un gran cornuto, grande perchè ho non uno ma due rivali. Infatti uno è un tecnico ad una storica fornace, invece l'altro un imprenditore edile. In pratica: Giorgio e Oreste, sono i miei rivali, ma da quando ho scoperto di essere un perfetto cornuto, mi sono detto: fino a ieri evitavo di "provarci" con altre donne perchè mia moglie, da vent'anni lavora, in seguito alla mia invalidità, al posto mio, ma da oggi in poi, guai a me se non ci provo con quelle che mi provocano e poi fanno le sante. Io non sarò mai santo ma neanche beato, infatti, da quando mi occupo di cucinare e mantenere casa pulita ed accogliente, andando nei supermercati incontro dei pezzi di figa da farmi ingrifare pazzamente e da ora ho deciso che ogni trascurata è persa. Per ora me la faccio con la mammina di una compagna di scuola media di mia figlia, che vuole vendicarsi anche lei , visto che suo marito la trascura e scopa anche con le puttane. Avrei anche una ventenne biondina da infarto per quanto è bona ma vedo che è timida, impacciata e, quando la incontro al supermercato, dove è commessa, mi sorride ma poi abbassa gli occhioni verdi e si passa la lingua sulle labbra carnose sensualissime. Un giorno le ho detto che desideravo conoscerla meglio e subito arrossì ma poi disse che mi avrebbe dato il suo numero di cellulare e lo scambiai col mio, così, ormai da due mesi me la spasso con la quarantenne e con la ventenne. Chiaro che a questo punto non mi faccio scrupoli e fotto con chi mi capita. Anche questa è da raccontare ma tutto può succedere nella vita: Un giorno ero a fare un giro con la mia nuova automobile e, dopo una stretta curva, mi trovo una morona impegnata a cambiare una ruota bucata al ciglio della strada e, capito come stava agendo, mi fermo e la prego di lasciare fare a me ed in dieci minuti tutto è al suo posto giusto. La morona ha una vocina sensualissima che mi fa subito arrapare e m'invita a bere un aperitivo a casa sua. Accetto l'invito e la seguo. Giunti da lei entriamo in casa e mi chiede qualche minuto per darsi una rinfrescata. Si presenta poi in vestaglia che fa intravedere le cosce lunghe ed un bel culo. Si avvicina a me e casualmente si apre la vestaglia scoprendo uno slippino nero con un monte di Venere foltissimo. Mi abbraccia dicendo che vuole sdebitarsi per il mio aiuto ed io sto per baciarla in bocca ma, fortunatamente, intravedo un cazzettino svettare tra gli slip e, dopo che lo mando a quel paese, fuggo sulla mia auto e vado a gran velocità in strada. Tradire mia moglie con una gran figa, sì, ma un trans, proprio no.

Questo racconto di è stato letto 4 2 8 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone