Fuerteventura

Scritto da , il 2019-06-11, genere scambio di coppia

Questo racconto non è frutto di fantasia ma una avventura capitata ad un mio lettore che mi ha pregato di elaborarla e pubblicarla.
Alessandro e Adriana hanno deciso per l’estate di non trascorre più le vacanze nella solita riviera romagnola ma concedersi qualche cosa di più esotico.
Abitano a Bologna, lui 46 anni, dirigente d’azienda, lei 49, insegnante, bionda alta 1,75 cm, un bel fisico tonico con due tette di terza misura, gambe lunghe, un sedere tonificato da ore di palestra.
Per la prima volta saranno accompagnati da una coppia di amici, Carlo di 45 anni e Claudia 46, una moretta tutto pepe con due tettine sode.
Dopo il volo giungono al villaggio, sono sistemati in due bungalow adiacenti, proprio sulla spiaggia, disfano le valige e poi fanno un giro per il villaggio per ambientarsi.
Dopo cena, sono tutti e 4 allo stesso tavolo decidono per una passeggiata per le vie della città, gli uomini osservano con attenzione il via vai di tante belle ragazze mentre le mogli sono attirate dalle vetrine dei numerosi negozi.
Le donne si fermano davanti ad un boutique di indumenti da spiaggia, chiedono ai mariti di aspettarle un attimo e poi entrano.
Ne escono dopo una ventina di minuti con entrambe una borsetta della boutique.
“Avete già cominciato a spendere soldi ?
“Solo un pareo e un paio di costumini, niente di particolarmente caro, non preoccupatevi.”
Il mattino dopo terminata la colazione tornano in camera per prepararsi ad andare in spiaggia, Alessandro è già pronto ma Adriana è ancora nel bagno, “Vai pure caro, io devo fare un salto da Claudia e ti raggiungo”.
Il marito scende alla spiaggia a trova Carlo già seduto sul lettino che sta leggendo il giornale.
“Buongiorno, anche tu solo soletto?”
“Si Claudia ci mette sempre troppo a prepararsi e ho preferito venire ad ammirare questa splendida spiaggia.”
I due uomini continuano a chiacchierare e dopo qualche tempi vedono arrivare le loro consorti, sono avvolte in due pareo, uno rosso e uno giallo e si avvicinano sorridenti?
“Vi piacciono i pareo? Sono di vostro gradimento?
“Veramente belli, vi stanno benissimo addosso”
“E i costumi?” nel dire questo le due ragazze aprono i pareo e li lasciano cadere a terra .
I due uomini rimangono sbalorditi,, le donne sono praticamente nude, non indossano il reggiseno ma solo due microscopici perizomi string azzurri, con dietro un filetto che si insinua nel solco delle natiche e davanti un triangolino grande poco più di un francobollo.
“Dalle vostre espressioni direi che sono di vostro gradimento” cinguetta Claudia e tutte due scoppiano in una fragorosa risata.
“Con questo sole sarà meglio darci la crema ad alta protezione, Adriana se vuoi te la spalmo io”
Adriana accetta di buon grado e si sdraia prona sul lettino, Claudia si mette di fianco, prende il tubetto della crema, se ne spalma un po’ sulle mani e comincia a spalmarla sulle spalle dell’amica.
Scende lungo la schiena, poi accarezza e impasta i glutei e con il pollice quasi inavvertitamente percorre il solco tra, le natiche, scende più in basso, accarezza l’interno celle cosce e termina con le gambe e i polpacci.
“Adeso girati”
Adriana si volta sul lettino, “Lascia pure posso fare da sola”
“Neanche per idea, quando inizio un lavoro lo porto a termine.”
Inizia dalle spalle, scende sul ventre, poi risale e appoggia le mani sulle tette, le accarezza, palpeggia, prende i capezzoli tra pollice e indice e li fa indurire.
Adriana è scombussolata, non è mai stata toccata così da una donna, da un lato vorrebbe dirle di smetterla, ma il suo corpo reagisce diversamente, non solo i capezzoli sono sempre più dure ma sente che la figa si sta bagnando.
Claudia avvicina la bocca ad un suo orecchio e le sussurra “Ti piace?”
Adriana non riesce a rispondere, ha la gola riarsa, accenna solo di si con il capo.
Claudia riprende il massaggio sulle gambe, parte del basso e risale alle cosce, fa allargare un po’ le gambe all’amica, spalma bene la crema nell’interno delle cosce e con noncuranza passa i pollici sopra il minuscolo triangolino di stoffa che copre la figa, pasa e ripassa e si accorge che Adriana si sta bagnando.
Le sorride e le strizza un occhio.
“Adesso tocca a te”, si sdraia su suo lettino e offre la schiena al massaggio.
Adriana è terribilmente eccitata, prende il tubo della crema e inizia a spalmarla, ripetendo quando fatto dall’altra donna.
Quando ha terminato sul dorso dice a Claudia che ha finito , se vuole può spalmarsela da sola sul davanti.
“Non ci penso nemmeno, fallo tu” le risponde con un sorriso malizoiso.
Non può esimersi dal farlo, inizia dai polpacci e risale alle cosce, Claudia allarga le gambe e le piega, la figa è ben in vista, appena coperta dal micro perizoma, Adriana prende coraggio e ripete quello che è stato fatto a lei spalma la crema in alto sulle cosce e accarezza con i pollici la figa, quasi inconsapevolmente prolunga il massaggio e si accorge che il respiro della amica si è fatto affannoso, anche lei si sente eccitata, smette di toccare la figa, massaggia il ventre e poi si dedica alle tette, inizialmente solo una passata di crema, poi le accarezza e le palpeggia, strizza i capezzoli, poi si riprende da quella specie di trance che l’ha assalita, massaggia le spalle dell’amica e poi si ferma.
“Ecco fatto, adesso possiamo abbronzarci senza problemi.”
I due mariti hanno assistito alla scena con eccitazione crescente e decidono che un bel tuffo in mare sarebbe un ottimo rimedio al turgore che si intravede nei loro costumi.
Nel pomeriggio le donne si presentano in spiaggia con altri due perizoma color carne, viste da lontano sembrano completamente nude.
Dopo essersi distese a prendere il sole per qualche tempo si alzano e vanno a fare una passeggiata sul bagnasciuga, attirando ammirati di tutti gli uomini presenti, quando tornano si buttano in acqua per un bagno rinfrescante e tornate ai lettini Claudia si rivolge all’amica” Vieni con me in camera?, ci facciamo una doccia rinfrescante”
Alessandra la segue e si accorge che l’altra donna fa cenno con la mano ai due mariti di seguirle, chissà cosa avrà in mente.
Nel bungalow Claudia si toglie subito il perizoma, fa cenno ad Adriana di fare altrettanto, la prende per mano e la porta nella doccia.
Apre l’acqua calda poi si mette un po’ di bagno schiuma sulle mani, ne da altrettanto all’altra donna e quando l’acqua le ha ben bagnate anziché lavarsi inizia a passare le mani sul suo corpo lo fa su quelle di Claudia e la invita a fare lo stesso.
Si insaponano su tutto il corpo, soffermandosi sulle tette, sul culo, inizia Claudia a giocare con la figa dell’altra che dopo solo un attimo di esitazione ricambia, in breve sono fradice di umori.
I mariti che le hanno seguite ammirano arrapati questo siparietto, i loro membri sono già in erezione.
Le donne escono dalla doccia e si paludano nei teli di spugna per asciugarsi.
“Sotto a chi tocca , lavatevi anche voi”
E’ Carlo il primo a mettersi sotto la doccia, poi esce e lascia il posto ad Alessandro.
Quando ha finito rientra in camera e rimane attonito da quello che vede.
La sua cara mogliettina, l’integerrima professoressa è inginocchiata davanti a Carlo, con una mano gli sta segando l’uccello e con l’altra gli accarezza i testicoli.
“Che bel cazzone duro hai, non vedo l’ora di assaggiarlo tutto e svuotarti le palle”.
Mentre continua a massaggiarlo e accarezzarlo percorre con la lingua tutto il cazzo nella sua lunghezza, fa roteare la lingua intorno al glande, lo prende in bocca, lo succhia poi riprende a leccarlo. Lo ingoia tutto sino in gola, lo risputa e lo rilecca. Carlo la prende per il capelli e comincia a farla andare avanti e indietro, le scopa la bocca come fosse una figa.
Alessandro conosce bene le abilità della moglie a fare i pompini, ma non l’ha mai sentita esprimersi in quel modo e comportarsi così con un altro uomo.
Il suo cazzo è diventato perfettamente duro, da qualche tempo coltiva la fantasia di vedere sua moglie fare sesso con un altro uomo, ma in questo caso la realtà supera la fantasia.
Si accorge che Claudia si è inginocchiata davanti a lui e gli prende il cazzo in bocca, ci sa sicuramente fare anche se non è certo all’altezza dell’altra donna.
“Godo, godo , bevi tutto troia”, è Carlo che sta sborrando nella bocca di Adriana che ingoia senza battere ciglio, si rialza, prende l’uomo per mano e lo porta sul letto a due piazze, si sdraia a gambe spalancate.
“Adesso tocca a te leccarmi”, gli prende il capo e lo posiziona tra le cosce, Carlo inizia a lapparla con foga, le succhia il clitoride, le infila due dita nella figa.
“mmmm, come sei bravo, adesso scopami come una puttana.”
Mentre l’uomo le sale sopra e la penetra Alessandro continua a guardarli affascinato, è talmente preso che non riesce a godere.
“Se non ci riesci con la bocca prova a scoparmi” gli dice Claudia, lo porta sul letto ,lo fa sdraiare e si impala sopra il suo cazzo e comincia a cavalcarlo, mentre lui le lecca le tette e succhia i capezzoli; è la donna la prima a raggiungere l’orgasmo e l’uomo la segue subito dopo venendole nella figa..
Durante tutto il tempo Alessandro non ha smesso di guardare sua moglie scopata che si dimena sotto Carlo e quando gode lo fa ansimando e mugolando.
Carlo si sfila, la fa girare alla pecorina e le infila il cazzo d dietro e ricomincia a chiavarla, ma con un dito cerca di forzare il buchetto della donna.
“lasciami stare il culo, è vergine e non ho nessuna intenzione di farmelo rompere da te”.
“ Non preoccuparti, vedrai che poi ti piacerà”.
“No lasciami, non voglio, scopami la figa e basta”
Carlo non demorde, ma Adriana è irremovibile, si divincola e si libera dalla stretta, raccoglie da terra il perizoma, si avvolge nel pareo e fa cenno al marito di seguirla, anche lui si riveste, l’atmosfera magica si è rotta e tornano nella loro stanza.
Carlo è ancora arrapato, era sicuro di riuscire nel suo intento, guarda la moglie sdraiata sul letto, le fa cenno di avvicinarsi, la gira, le lecca il buchetto con la lingua, la penetra un po’ con un dito e poi la incula.
Alessandro e Adriana sono tornati nella loro camera, decidono di fare la doccia insieme, si accarezzano delicatamente.
“Non avrei mai pensato che ti saresti comportata da troia in questo modo, mi hai sconvolto, che linguaggio scurrile hai usato e come ti sei fatta sbattere.”.
“Non fare il moralista, ho visto come ti è venuto duro mentre mi guardavi e poi hai fatto il porco con Claudia. Ho l’impressione che ti ecciti vedermi con un altro uomo mentre scopo o mi sbaglio?”
Alessandro non risponde, ma la sua erezione parla più delle parole.
“Bene, allora preparati a vedermi fare la puttana, ma lo farò sempre davanti a te e poi faremo l’amore come abbiamo sempre fatto, va bene?”
E’ iniziata così la vita di cornuto di Alessandro.
Commenti privati a
.

Questo racconto di è stato letto 3 2 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone