Dolci e calde ripetizioni estive

Scritto da , il 2019-06-11, genere gay

Al mio quarto anno di superiori, fui rimandato in matematica, un po’ per l’odio che mi accomuna con tanti giovani dei numeri un po’ perché avevo scoperto quanto mi piacessero i ragazzi e divertirmi con loro. Oltre qualche esperienza orale ero ancora vergine ma sapevo dentro di me che avrei trovato l’occasione di provare questa bella e-mozione proprio nel periodo estivo. Ma di certo non mi aspettavo che sarebbe stata con un noioso professore di matematica che da ripetizioni per arrotondare. La portinaia del mio palazzo mi diede questo contatto e iniziai due volte a settimana a frequentare la casa di questo scapolo di 45 anni, devo ammettere che non è mai stato un bell’uomo ma mi eccitava tanto il suo sguardo, la sua pancetta e la sua barba incolta. Era riluttante ad ogni mia provocazione, ma in cuor mio sapevo che fosse attratto dagli uomini, lo vedevo nella maniera in cui mi appoggiava la mano sulla spalla mentre leggeva gli esercizi di matematica che mi dava da svolgere. Un giorno, intorno ai primi d’agosto, mi presentai da lui in tenuta estiva, pantaloncini cortissimi di jeans e una t-shirt bianca e iniziammo la lezione. Mi guardava il culo in maniera da esagerata e le mie gambe senza un pelo provocavano in lui molto interesse. Mi tolsi le scarpe, e iniziai a fargli piedino. Lo vedevo esplodere dentro, non riusciva più a spiegarmi, dalle gambe passai a strusciare il mio piede sul suo pacco, durissimo. Mi guardò profondamente negli occhi e mi disse “stai scherzando? Sto impazzendo per favore smettila” ovviamente continuai. Mi prese di forza e mi bacio profondamente con la lingua, gli sbottonai la camicia mentre lui mi toccava il culetto e mi slacciava i pantaloncini. Gli bacia i capezzoli e presi in mano il suo bel cazzo, nella norma ma bello spesso e gonfio, glielo segai un po’ con i piedi, mi tolse le calze e inizio a leccarmeli mentre con la mano glielo sbattevo bene, finché non iniziai a leccarlo tutto. Mi prese in braccio e mi fece sedere sul tavolo, mi lecco il buchetto vergine e mi chiese se lo avessi mai fatto, io gli dissi la verità, ma che lo volevo fare ora, mi penetrò senza preservativo, prima a pecora, poi a gambe all’aria mentre mi stringeva i piedi e mi guardava la faccia contorta da piacere e dolore per il suo cazzo. Si sedette sul divano e io sopra di lui, lo cavalcai per una 10 di minuti abbondanti prima di sentire il suo caldo seme inondarmi tutto dentro.. da lì all’esame ogni lezione durava tre ore invece che due, fui promosso, e ora a 21 anni, ho ancora bisogno...... di ripetizioni di matematica

Questo racconto di è stato letto 3 2 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone