L'Apparenza Inganna Capitolo 9

Scritto da , il 2019-06-10, genere tradimenti

Roberto fissava incredulo quella foto, tremante e bianco di terrore. Venne assalito dal panico, si sentì lo stomaco contorcersi, prese il secchio della spazzatura e ci vomitò dentro tutto il pranzo. Si sentì svenire. Eleonora aveva fatto quelle foto mentre lui era legato e in preda all'estasi. Se qualcuno avesse visto una foto del genere la sua reputazione sarebbe stata rovinata per sempre. Ma davvero quella donna era capace di fare una cosa del genere? Davvero si sarebbe vendicata in quel modo? Se Federica l'avesse scoperto l'avrebbe ucciso sicuramente. Doveva trovare Eleonora e parlarle immediatamente. Uscì dall'ufficio provando a chiamarla, ma il telefono era spento. Decise di andare a casa sua, saltò a bordo dell'Audi e sfrecciò con la luce del tramonto in faccia. Poco prima di giungere sotto al suo portone, la vide camminare verso la sua Lancia Y nera. Indossava lo stesso vestitino bianco e nero attillato e un paio di scarpe col tacco di velluto nero, con un intreccio di lacci intorno alle caviglie. Appena entrò in macchina, Roberto le si accostò e aprì il finestino.

"Eleonora! Scendi!"

La ragazza rispose con il suo solito sorriso e il tono gentile.

"Sono in ritardo, Tesoro! Facciamo un altro giorno!"

Eleonora sfrecciò fuori dal parcheggio, inseguita da Roberto. Non l'avrebbe lasciata andare così. Non le avrebbe permesso di rovinargli la vita e la reputazione. Eleonora, invece, guardava nello specchietto retrovisore e sorrideva.

"Povero stupido..."

Il caso, o la fortuna, o la Provvidenza, vollero che la strada che i due percorrevano fosse la stessa dove si trovava il bar Alex Man. E sempre quella Provvidenza aveva voluto che nel preciso istante in cui le due macchine passavano davanti al bar, Federica fosse in procinto di entrare nella sua. E vide entrambe le vetture passarle affianco: Roberto inseguire Eleonora.

"Figlio di puttana!"

Come una furia saltò nella macchina e si mise a seguire i due amanti. Questa volta lo avrebbe lasciato, ma prima lo avrebbe distrutto. Lo avrebbe preso a schiaffi, gli avrebbe gridato di tutto contro. Nella sua rabbia, Federica riconobbe la strada che stavano seguendo: era quella che portava a casa di Francois Urbain. E difatti, la macchina di Eleonora si fermò poco prima del palazzo di Urbain. Federica rimase nascosta per seguire la scena con attenzione. Roberto parcheggiò poco dietro ad Eleonora e le corse dietro.

"Aspetta! Aspetta!"

Lei camminava ancheggiando con tranquillità, lui le si parò davanti.

"Cos'è uno scherzo!?" Disse furioso.

"Non so di cosa parli", rispose lei con estrema tranquillità.

"Smettila di prendermi per il culo! Quella foto che mi hai mandato, l'hai fatta quando ero a casa tua. Cosa vorrebbe dire?"

Lei sorrise. "Non ho fatto nessuna foto e non so di cosa parli! Ora se vuoi scusarmi..."

Eleonora scansò Roberto e lo superò. Lui l'afferrò per il braccio.
"Cosa credi di fare, eh?" Le disse lui, furioso.

"Mi metti le mani addosso? Vuoi che urlo? Devo cominciare a strillare?"

Roberto la lasciò. "Ti prego, cosa vuol dire quella foto che mi hai mandato!"

"Ti ripeto che non so di cosa parli! Io non ho inviato niente!" Gli disse sorridendo.

"E allora chi ha scattato quella foto in casa tua? Chi l'ha mandata?", Roberto era furioso. Eleonora gli fece un ghigno.

"Chi lo sa, forse la Provvidenza? La stessa Provvidenza che potrebbe mandarne molte altre copie alla tua adorata fidanzata!"

Roberto si avvicinò minaccioso. "Tu provaci e io ti ammazzo!"

Eleonora scoppiò a ridere. "Sei patetico! Ma stai tranquillo, quelle copie arriveranno non solo alla tua fidanzatina, ma anche a tutti i vertici della tua azienda, ai tuoi genitori, ai tuoi amici!"

Roberto si sentì gelare il sangue. Lei continuò sorridente. "Vorresti ammazzarmi? Avanti fallo, se hai il coraggio! Ma tutti vedranno quelle foto quando verranno a perquisire casa mia e diventerai il primo indiziato!"

Roberto indietreggiò. "Io...io non volevo dire seriamente..." Eleonora si avvicinò a lui con fare calmo e gentile. "Ognuno si deve prendere la responsabilità delle proprie azioni. Ti piace fare il pervertito e farti frustare, che male cè a farlo sapere a tutti?"

Eleonora si allontanò scansando Roberto. Lui tremava come una foglia, il terrore lo attanagliava completamente. Era finito. Si buttò ai suoi piedi, in ginocchio, gli prese una caviglia con le mani e supplicò, in lacrime. "Ti prego, non farmi questo! Sarebbe come uccidermi! Ti prego! Ti chiedo perdono, farò tutto ciò che vuoi! Tutto! Lo giuro!" Eleonora lo guardò sorridente.

"Ormai è troppo tardi!" Tirò via il piede con stizza e si diresse verso il portone di Francois Urbain. Roberto era in ginocchio in lacrime. Era distrutto. La sua vita finita. Si alzò in piedi per tornare in macchina, ma quando si voltò vide Federica davanti a lui. Si spaventò ed ebbe un sussulto.

"Federica! Perchè sei qui?"

Non terminò nemmeno la frase che Federica gli assestò un violento ceffone in volto. Roberto arretrò tenendosi la guancia.

"Fede...ma che..."

La ragazza gliene vibrò un altro dalla guancia opposta. "Sei un figlio di puttana! Un bugiardo! Io lo sapevo, mi hai mentito!"

"Non è come pensi!"

"Eri per terra ad implorarla ai suoi piedi! Chi pensi di prendere per il culo!" Federica era furiosa, prese a spintoni Roberto, che indietreggiò. "Non voglio più vederti, mai più! Fai schifo! Mi fai schifo!" Detto questo, Federica si allontanò e Roberto le corse dietro. "Fede, ti prego!"

"Non seguirmi, non toccarmi, non nominarmi nemmeno!" Era fuori di se, entrò in macchina , ma Roberto entrò con lei.

"Scendi subito di qui o chiamo aiuto! Ho detto che non voglio vederti mai più!" Urlò piena di rabbia.

"Lo farò! Lo farò! Ma voglio che prima mi ascolti!"

"Non mi interessa, voglio che tu te ne vada!"

"Prima ascoltami! Non voglio giustificare nulla! Voglio solo dirti la verità!"

Federica si appoggiò con la testa sul volante, sfinita. "Parla, velocemente. E poi sparisci!"

Nel frattempo, nell'appartamento di Francois Urbain, Eleonora si era spogliata, rimanendo solamente in perizoma. Era appoggiata alla testiera del letto, mentre Francois le stava baciando i piedi come un ossesso. Leccava minuziosamente le dita con gli anellini.

"Non potevo credere che saresti tornata da me! Oh amore mio, ti amo da morire!" Mugugnò lui in preda all'estasi.

"Mi sono resa conto che i ragazzi della mia età sono stupidi e deboli. Un uomo come te è quello di cui ho bisogno!"

Lui era eccitatissimo e leccava i piedi con devozione. Era un feticista scatenato, sposato da 15 anni con Milena Vitali, una donna forte ma poco duttile in fatto di sesso, aveva trovato ciò che cercava da tempo in Eleonora: una padrona gentile e inflessibile nello stesso momento.

"Hai consegnato la mia candidatura a tua moglie?" Gli disse freddamente.

"Certo, amore!"

"Cosa ha detto?"

"Che la valuterà! Ma non preoccuparti, è cosa fatta! Puoi già considerarti la responsabile del Giglio Nero!"

Eleonora addolcì la sua espressione e accarezzò il volto di Francois con il piede.

"Bravo il mio schiavetto! Ti sei dato molto da far per me! Meriti una bella ricompensa!"

Francois sbavava come un cane.

"Una bella seduta di trampling. Voglio schiacciarti tutto sotto i miei piedi!"

Francois ululò di piacere ed Eleonora si permise una risata vincitrice. Era questione di poco e avrebbe conquistato una posizione riguardevole.

Nel frattempo, Roberto aveva raccontato tutto a Federica. La ragazza fumò qualcosa come otto sigarette una dietro l'altra. Lui le rivelò del tradimento, della notte di sesso con Eleonora, della furia di lei non appena le dichiarò di amare Federica e, per finire, delle foto per vendetta. Federica ascoltò tutto in silenzio, senza proferire verbo. Quando finì di parlare disse solamente. "Ecco tutto!"
Lei rimase in silenzio per un pò. Poi, con una voce glaciale disse: "Vattene!"

"Federica, ti prego...."

"Non voglio vederti mai più!"

Roberto crollò e iniziò a piangere. "Ti prego non farmi questo..."

"Ero disposta a perdonarti...se tu mi avessi detto la verità! Ma dopo avermi giurato amore, l'altra notte, mi hai mentito e tradita di nuovo. Io e te, non abbiamo più niente da dirci!"

Lui scese dalla macchina, lentamente, distrutto. Si voltò verso Federica.

"Ti ha coloroformizzata..."

Federica rimase impassibile.

"Quella volta in spiaggia, quando ci ha preso le birre. Aveva messo del sonnifero nella tua birra, così da farti dormire e potermi scopare in pace. A lei non importava di compromettere il suo rapporto con te sul posto di lavoro, perchè presto andrà a lavorare in un altro centro."

Lei rimase impassibile, non voleva dargli nessuna soddisfazione, non voleva mostrargli che quest'ultima confessione l'aveva fatta infuriare parecchio. Voleva solo che sparisse per sempre dalla sua vita. Lui chiuse la porta e lei partì sgommando. Roberto, distrutto, cadde seduto a terra in preda ai singhiozzi. Federica, invece, si sentiva libera da un peso. Leggera. Ora aveva solamente un fuoco indomabile dentro di lei: farla pagare a quella stronza. Quell'ultima confessione di Roberto le aveva regalato un'illuminazione: Eleonora avrebbe lavorato per Urbain. Prese il telefono e cercò su internet il numero del centro estetico Giglio Nero. Chiamò e rispose una segretaria. "Vorrei parlare con il signor Urbain! E quando lo posso trovare? Perfetto, sarò li tra due ore!" Sapeva come agire. L'avrebbe ripagata con la sua stessa moneta.

Due ore dopo, Federica si presentò al Giglio Nero. Si conciò per l'occasione: vestitino cortissimo e molto attillato che metteva in risalto il suo fisico perfetto e le sue gambe toniche. E, tocco di classe, un paio di sandali neri dal tacco altissimo: da quello che aveva capito origliando il "rapporto" tra Urbain ed Eleonora dietro la porta, era chiaro che lui fosse un feticista. E uno di quelli molto fanatici. Così, quando Francois Urbain comparve alla porta dei suo ufficio per chiamarla, notò immediatamente che gli occhi di lui caddero sulle sue gambe e i suoi piedi smaltati di nero. Entrò camminando nel modo più sensuale possibile, catturando la sua completa attenzione.

"Prego si sieda pure, Signorina?"

"Rastelli! Francesca Rastelli!" Gli diede, ovviamente, un nome fasullo. Fece in modo di allontanare la sedia dalla scrivania, in modo che lui potesse sbirciare ben bene le sue gambe, che accavallò in modo molto sensuale.

"Bene, signorina, è interessata ad uno dei nostri pacchetti lusso?"

Federica sorrise e intanto giocava a girare il piede e muovere le dita, fatto che Francois notò subito e che gli causò un principio di erezione.

"Si, mi piacerebbe comprare l'intero pacchetto lusso. Che comprende?"

Francois era imbambolato nel guardare quei bei piedi curati e smaltati. Erano leggermente più grandi di quelli di Eleonora.

"Dunque, il pacchetto lusso comprende tre trattamenti al viso a scelta, massaggio normale, massaggio shiatsu e lampada abbronzante."

Federica si abbassò leggermente verso le scarpe.

"Chiedo scusa, so che posso sembrare maleducata, ma vorrei togliermi le scarpe perchè mi fanno molto male i piedi! Le da fastidio?"

Francois aveva l'espressione di colui al quale era stato realizzato il più grande dei desideri.

"Ma no, signorina, ci mancherebbe..."

Federica tolse le scarpe e accavallò nuovamente le gambe, facendo roteare il piede e muovendo le dita mentre parlava. Le parole che pronunciava non venivano nemmeno ascoltate da Francois, che era intento solo a guardarle i piedi.

"Mi sta ascoltando, Signor Urbain?" disse Federica sorridendo.

"Si, ma certo, mi scusi, sono molto stanco" si giustificò lui.

Federica alzò la gamba mostrandogli il piede.

"Mi piacerebbe fare un trattamento di pedicure, guardi come sono conciati i miei piedi. Hanno proprio bisogno di un pò di cura!"

Francois era in estasi.

"Io, trovo che i suoi piedi siano magnifici, signorina Rastelli!" Federica sorrise.

"Perdoni la domanda, quanti anni ha?"

"Io? Ho 52 anni!"

"Mi prende in giro!"

"Giuro!"

"Gliene avrei dati 40!"

"Davvero, grazie! In effetti cerco di curarmi e tenermi in forma!"

"E ci riesce benissimo a quanto vedo..." Federica gli lanciò un'occhiata eloquente, uno sguardo che non poteva significare: "SONO INTERESSATA A TE". Lui deglutì e colse la palla al balzo.

"Signorina, lei è impegnata?"

"In che senso?"

"Nel senso...è fidanzata, sposata?"
"Libera come l'aria!"

"Che ne dice, uno di questi giorni, di farci un aperitivo?"

"Non sono tipa da aperitivi! Che ne dice di una cena?"

Francois era al settimo cielo. "Una cena, meglio ancora!"

"Ho appena ristrutturato casa e non ho ancora avuto degli ospiti! Signor Francois, vuole essere mio ospite, domani sera?"

Francois era in un sogno. Una bellissima e giovane ragazza sembrava essersi presa una cotta per lui. Si immaginava di poter baciare e leccare quei bellissimi piedi, e poi adorarla come una regina. Non gli sembrava vero. Avrebbe dovuto inventare una scusa per quella vecchia capra di sua moglie, ma pazienza.

"Per me sarà un onore, Mademoiselle!"

"Ho sempre avuto un debole per la Francia!" Disse Federica sorridendo. Francois deglutì.

"In quanto al pacchetto lusso, ne parleremo domani sera a cena! Concorda, Signor Urbain?"

"La prego mi chiami Francois!"

"E tu chiamami Francesca!"

Francois le prese la mano e la baciò. "Come desideri, Francesca!"

"A domani, Francois!" Quando Federica chiuse la porta, Francois improvvisò un balletto dalla gioia. Federica uscì velocemente dal centro estetico, si ficcò in bocca una sigaretta e prese il telfono.

"Vicky, hai un momento?" Era Vittoria, che come abbiamo già visto era la responsabile del Raggio di Luna.

"Sto per raccontarti una storia un pò lunga! E quando avrò finito dovrai farmi un grande favore! Un favore che non riguarda solo me...ma anche te!"

TO BE CONTINUED...

Gentilissimi amici, anche il nono capitolo di questa storia si è concluso. Stiamo per raggiungere il climax e spero di avervi messo un pò di hype per il prossimo. Lasciatemi un sempiterno commento o scrivetemi a

Questo racconto di è stato letto 1 3 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone