Adrian e la Lezione Notturna - parte 2

Scritto da , il 2019-06-10, genere orge

(seguito di Adrian e la Lezione notturna parte 1)

Mi chiamo Adrian e avrete già sentito parlare di me.
Francesca mi accompagna di nuovo verso la scansia.
E’ in parte riparata dalla classe. Faccio per richiudere il freezer, quando lei mi si avvicina.
- Grazie... del tuo aiuto – mi dice, toccandomi il collo.
Io non so che fare e che dire.
- Prof.ssa io... non credo che ... –
Lei sorride. Mi sembra di sciogliermi tutto.
- Non credi? Aspetta un secondo –
Mi bacia sulla bocca.
Sento il sapore della fragola mandarmi in solluchero il cervello. Un bacio lungo con la lingua calda che s’infila nella mia senza remore. Le nostre lingue s’intrecciano. Il loro intrecciare m’intorpidisce. Francesca mi scopa la bocca per un minuto, lasciandomi senza fiato.
Porta la mano verso il petto, tastandomelo.
- Cosa credi che sia questa scuola, Adrian? – mi chiede.
- Io... io non lo so.
- Sì, che lo sai.
La sua mano scende verso il mio cazzo già sensibile. Lo saggia attraverso la stoffa, più volte e con movimenti regolare, senza mai smettere di sorridere. Comincia a fare un su e giù sempre più pressante, io sono immobilizzato.
- Allora è vero quello che si dice – mi sussurra.

Con calma si toglie il camice e poi la felpa. É senza reggiseno: le sue tette sono morbide e dritte, eccitate. Mi prende la mano destra e se la mette sopra le mammelle. Una buona seconda, pelle così morbida ed insieme tesa che mi sento formicolare il sangue per tutto il braccio.
- Dicono che sei timido, ma a me piacciono i timidi – dice, mentre mi sbottona con lentezza.
Ormai sudo come un carcerato ad agosto.
- Ma gli altri? – cerco di dire.
Lei sorride di nuovo. É sempre più lenta nei movimenti e la cosa mi fa straniare.
- Non ti preoccupare di loro – mi risponde.
Quando lo estrae dalle mutande, il mio pene svetta subito nell’aria, finalmente libero. Tutta la mia carne già eretta, sembra quasi che urli la sua potenza e grandezza.
Senza cerimonie, Francesca s’inginocchia e se lo infila direttamente in bocca, facendomi sussultare. Sento che ne tasta la carne con le labbra, e la durezza. Poi si stacca, passa alle palle, dondolandomele con la lingua.
Soppesandole per lunghi istanti.
Si rialza.
- Adesso ti spoglio – mi dice, mentre con fare sapiente mi bacia ancora, prima sulla bocca e poi sui capezzoli che mi tasta con le mani calde che si ritrova.
Non capisco più nulla ma lascio fare, ansando sempre di più. Mi toglie via prima la felpa, poi la maglietta. Infine i pantaloni e l’intimo.
Ora mi guarda soddisfatta e con le dita disegna i contorni del mio corpo, giovane e bello.
- Bene. – dice prendendomi dolcemente per il pene e facendomi con l'occhiolino segno di seguirla davanti alla classe.

E quello che vedo mi lascia stupito.
La vasca con i pesci è stata spostata per fare spazio.
Sul bancone c’è Andreea, totalmente nuda, che si tocca il sesso glabro e rosa. E’ una fessura già rossa per lo sfregamento e che emette i primi umori. Tutti i miei compagni alla fine sono nudi. Sono in attesa, a pochi passi dal bancone.
Sempre tirandomi per il pene, stavolta con più forza (il che me lo fa indurire ancora di più) Francesca mi porta in mezzo a loro. Elisa la bacia e l’aiuta a svestirsi del tutto. La sua fica è rasata, con solo un ciuffetto rossiccio in mezzo, a forma di cuore.
- Voi... sapevate... – tento di dire, ma Francesca mi chiude la bocca con un dito.
- Aspetta a giudicare i tuoi compagni. Era parte del gioco tenerti all'oscuro di tutto. La prima volta è bello sorprendere – dice.
Andreea ha le tette piccole e sode. Ci sorride, mentre gongola. Francesca le si mette sopra.
- Paola tienile ben salde le gambe, Giorgia tu pensa alle braccia. Elisa, tu comincia a stimolare i sessi dei maschi– dice.
Attende che Elisa ci raduni tutti a qualche metro di distanza. I cazzi dei miei compagni non sono ancora del tutto eretti, ma vedo nei loro visi l’eccitazione per il corpo sodo di Elisa ed il suo sorriso sornione.
- Stasera tocca a me stimolarvi – dice, come se fosse una cosa che si aspettava da tanto.
Poi mi fissa.
- E tu non venire subito. Francesca crede molto in te – dice inginocchiandosi.
Ci mette in fila davanti al bancone, mentre Francesca si masturba e accarezza violentemente Andreea.
- Avanti. La solita routine. La prima speme è quella più buona e densa, quindi quando pensi che stiano venendo sii pronta con la bacinella – dice.
Elisa sorride e annuisce.

Il primo cazzo che prende è quello di Alberto, lungo e liscio.
Lo prende per mano, lo soppesa, gli prende le palle. Poi si rialza e lo bacia. Il sangue comincia ad allargare il muscolo. Elisa fa tutto con calma, mentre sentiamo gli ansimi di Andreea che continua ad essere stimolata, con sempre più velocità.
- Sto venendooooo – dice, scossa ancora dai gemiti. Il suo sesso sta lasciando un lago sul bancone.
Francesca ci sta ancora guardando sorniona.
- Paola, Elisa è troppo lenta, come al solito. Aiutala. Tu Giorgia, fattela leccare da Andreea –
Non perdono tempo: le ragazze sono organizzate. Paola si mette su Gabriele e gli prende le palle. Ha un cazzo già bello rizzato, mentre io me lo sto menando per tirarlo su. Paola se ne accorge, si rialza, va a prendere delle fascette e ad uno e uno le lega all'attaccatura dei testicoli, stringendo forte.
- Bene, brava, così staranno su tutto il tempo necessario, dice Francesca che ha sulla lingua gli umori di Andreea. Le stimola sesso e tette con movimenti regolari, sincopatici.
Andreea inarca la schiena e geme per la prima volta.
Paola ed Elisa sono ben sincronizzate. Pompano i maschi a ritmi regolari, usando per lo più lingua e labbra. Quando Paola passa a stimolare il mio cazzo lo prende tutto in bocca e lo agita, leccandomi il glande.
- Adesso lascialo assaggiare a me – dice Elisa.
Se lo scambiano. Mi scopro a pompare il mio cazzo sulla bocca di Elisa, che geme, toccandosi. Gli altri maschi sono pompati da Paola, mentre il trio lesbico si sta dando da fare sul bancone. Quando Gabriele sta quasi per venire, Francesca interrompe la stimolazione e fa scendere Andreea e Giorgia dal bancone.
- Bene, adesso tutte insieme, attente alla prima speme –
Le femmine ci posizionano sul bancone, i cazzi dritti e quasi venuti che sembrano guardarle.
- Avanti, dice Francesca soddisfatta. –
Elisa rimane sul mio cazzo, e manda via Giorgia che sembra volerle chiedere il cambio. Paola si concentra su quello di Gabriele, rimandandoglielo su con due colpi di lingua in tiro. Andreea si mette su Nico. Ha il cazzo più corto ma più grosso di tutti. Giorgia ripiega su Alberto, ridendo quando lui quasi impazzito fa per scoparle la bocca con movimenti diretti.

- I cavalli sembrano pronti. –dice, staccandosi dall’asta.
Ormai noi maschi stiamo sudando e i nostri peni sono tutti arrossati. Liquido pre seme cola dal buco in mezzo la glande e non fa in tempo a uscire che le femmine lo leccano via ghiotte, ingoiandolo con rumori di piacere.
- Francesca, io non riesco più a trattenermi – dice Alberto che suda copioso dal suo corpo snello e atletico.
Quella sorride e gli si avvicina.
- Va bene, tu sarai il primo. Giorgia apri bene la bocca. – dice, mentre con due ultime tirate, lo mena ad Alberto, fino allo sfinimento.-
- Vengooooooo – urla quasi Alberto.
Sversa tre potenti getti di sperma caldo e bollente sulla bocca di Giorgia che lo trattiene per tutto il tempo, sorridente. Francesca le porge una caraffa e lei lo travasa insieme alla sua saliva.
Nel frattempo Nico toglie il cazzo dalla bocca di Andreea e fa lo stesso, però stavolta inondandole tutta la faccia con quattro versate molto bianche e cremose.
E’ turno di Gabriele e getta in bocca a Paola cinque versate belle calde che la fanno quasi soffocare. Lo sperma le cade dalla bocca e Francesca la riprende con astio dandole un sonoro schiaffo.
- Non dovete lasciarne cadere nemmeno una goccia! Raccoglilo! Raccoglilo con la lingua!
- Mi scusi Francesca, non succederà più! – sussurra Paola che quasi piange.
Elisa ha il tempo di far andare la sua lingua ancora avanti e indietro per tutta la mia asta. Il mio cazzo ormai pompa di suo. Alla fine non mi controllo più.
- Oddio, oddio, ingoiaaaaaaaa – grido e le getto addosso quattro schizzi belli liquidi che le inondano bocca, labbra e occhio sinistro.
Elisa ansima, io mi devo tenere sul bancone per lo sforzo.
Francesca si avvicina, rimette su Elisa che sorride, le prende un po’ di sperma dalla bocca e lo succhia nella sua, come se fosse una bevanda. Poi mi guarda.
- Ottimo sapore, bravo –

Questo racconto di è stato letto 1 4 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone